logo Sarah’s Kitchen Stories

Dolci senza tempo

Print page

Dolci senza tempo

Questa è LA torta delle nostre ultimissime colazioni.

L'ho preparata la prima volta per finire mandorle e yogurt che stazionavano da troppo tempo rispettivamente in dispensa e frigo. Al piccolino di casa è talmente piaciuta che è stata fatta e rifatta già 4 volte. Un vero successo, soprattutto considerando che lui a colazione mangia davvero pochissimo, e spesso solo frutta.

E' un dolce umidino, il limone la fa da padrone, e la glassa in superficie ha quel che di aspro e dolce che mi piace molto. Mi ricorda la glassa della torta di carote che spesso si mangiava alle feste di compleanno in Svizzera.

Lo yogurt, greco. Assolutamente. E' denso e ricco, e per il dolce ne serve esattamente 1 confezione della misura standard, quindi niente avanzini per il frigo.

E niente burro, ma olio di soia. A me i dolci all'olio non fanno impazzire, tranne rare eccezioni: questo è ottimo davvero, l'olio non si sente per nulla.

Straconsigliata, se non si fosse capito fin qui ;).

Dolci senza tempo

TORTA GLASSATA CON YOGURT GRECO, OLIO E LIMONE

Ingredienti per uno stampo da 20×20

100 g di farina 00

50 g di mandorle

130 g di zucchero vanigliato

80 g di olio di semi di soia

125 g di yogurt greco intero

3 uova

1 limone (succo e scorza)

1 pizzico di sale

2 cucchiaini di lievito per dolci

per la glassa

1 cucchiaio raso di yogurt greco

1 tazza di zucchero a velo

qualche goccia di estratto di limone

Dolci senza tempo

Preparazione

Montare uova e zucchero con la frusta elettrica o la planetaria, aggiungere i liquidi rimanenti.

A parte mescolare tutti gli ingredienti asciutti, poi unirli al composto di liquidi, impastando con una frusta giusto il tempo di rendere il composto omogeneo.

Preriscaldare il forno a 175°.

Versare il composto nella teglia foderata con carta forno ed infornare per circa 35-40 minuti, o fino a colorazione (fare sempre la prova stecchino).

Far raffreddare il dolce su una gratella, a parte mescolare gli ingredienti per la glassa e, a dolce tiepido, versarcela sopra.

Lasciar raffreddare completamente prima di servire.

Dolci senza tempo

 

  • Luca&Sabrina dice:

    Pubblicato: 1 giugno 2014


    Piace molto anche a noi, li dolci al limone sono tra quelli che prediligiamo, insieme a quelli con le mele, qui poi c'è quella glassa che rende la torta ancora più golosa, a questo proposito tu scrivi che occorre una tazza di zucchero a velo, quindi hai preso come misurino la classica tazza da cappuccino per intenderci, giusto? L'olio di soia è un olio che non abbiamo in casa perché non lo usiamo, ma immagino che contribuisca a rendere molto ma molto soffice il dolce, ci manca solo quello per prepararlo.
    Bacioni
    Sabrina&Luca

  • Sarah Fel dice:

    Pubblicato: 3 giugno 2014


    La tazza è quella delle cups anglosassoni: dovrebbe corrispondere ad una capacità di 250 ml, a memoria.
    Come olio si può usare un olio di semi qualsiasi, o un extravergine delicato e fruttato (anche se a me l'extravergine non piace moltissimo, tendo a sentirlo sempre un po' troppo) :)

  • Rosa dice:

    Pubblicato: 3 giugno 2014


    Ecco la tirata per la merenda di domani!
    Posso andare a nanna tranquilla.... Grazie!

  • Giustina dice:

    Pubblicato: 16 giugno 2014


    Decisamente da provare!!! Un solo chiarimento, sono indicati 125 g di yogurt greco, mentre il vasetto standard è da 170 g (almeno quello della più nota marca :D). Quanto ne metto?? Grazie mille! Giustina

  • Sarah Fel dice:

    Pubblicato: 16 giugno 2014


    Ciao Giustina,

    potrei aver pesato male, ma per sicurezza fai così: dal vasetto trattieni il cucchiaio raso che serve per la glassa e metti tutto il resto. Così sono sicura che la dose è giusta :D :P

  • francesca dice:

    Pubblicato: 19 giugno 2014


    ciao
    mi ispira tantissimo questa torta.. ti volevo chiedere.. ma le mandorle le devo tritare finissime o intendi la farina di mandorle?

    grazie
    fra

  • Sarah Fel dice:

    Pubblicato: 19 giugno 2014


    Mandorle tritate finissssssime e farina di mandorle sono la medesima cosa :) Se hai un mixer degno, puoi tritare tu le mandorle: in questo dolce non è così essenziale che sia proprio polvere, come lo è invece, per esempio, coi macarons. Quindi in entrambe le soluzioni, vai tranquilla ;)

  •  

    Dettagli Post

    Pubblicato: 28 maggio 2014

    By:

    Commenti: 7

    Tag Post

    , ,

    Categorie Post

    dolci, Dolci monoporzione