logo Sarah’s Kitchen Stories

La granola che ricorda le fiere di paese…

Print page

La granola che ricorda le fiere di paese...

Dopo aver confessato che no, non compro le barrette energetiche (non per me, ma per il marito ne ho prese parecchie negli anni, anche se ora abbiamo trovato la ricetta perfetta per farle a casa come piacciono a lui) devo aprire il mio cuore e confessare che invece sì, la granola per me l'ho comprata. Spesso. Ed ho pure la mia preferita.

Non vi dico qual è perché voglio vedere se riuscite ad indovinarlo da soli.

Come facciamo?, direte voi, Senza nemmeno un indizio!

L'indizio lo trovate direttamente nelle mie foto: no, non ho fotografato la granola comprata. Quella delle foto è la mia: se però vi dicessi che in aspetto e consistenza (non tutta sgranata, ma a tocchettoni) è praticamente identica a quella comprata?

Il sapore gli somiglia un pochino, ma secondo me è ancora meglio questa. Ciò che la differenzia al gusto è principalmente il sesamo, assente in quella da supermercato.

La granola che ricorda le fiere di paese...

Come descrivervi il sapore di questa granola deliziosa prima che l'assaggiate voi dopo avervi tentati a rifarla? Uhm….

Sarete stati a qualche fiera di paese…Mercato… Luna Park? Dai, impossibile che non ci siate stati! Ed avete presente il croccante che si trova nelle bancarelle dei dolcetti, quello al sesamo o alle mandorle? Quello che spacca i denti, per capirci 😀

Ecco, addentando queste pepite dorate, i sapori che sentirete sotto i denti saranno principalmente quelli, proprio per la presenza sia delle mandorle che del sesamo. Il miele, che funge da collante, e la tostatura in forno, fanno la loro magia, dando vita a questa granola deliziosa.

La granola che ricorda le fiere di paese...

A me le granole con frutta disidratata all'interno piacciono poco. Evito quelle con uvetta ed altro, ma se a voi piacciono potete aggiungerle tranquillamente: uvetta, albicocche, prugne, cranberries, cocco in scaglie, cioccolato, quello che preferite. In questo caso però aggiungetele solo alla fine, quando dovrete sbriciolare la golosa lastra croccante ormai fredda e pronta per essere invasettata e conservata.

La granola che ricorda le fiere di paese...

Con l'arrivo della primavera amo fare colazioni con yogurt, granola e frutta fresca (le fragole sono le mie preferite in assoluto, in questo caso), un bel bicchiere di spremuta o succo d'arancia e sono pronta ad affrontare la giornata. Sono le colazioni fresche e sfiziose che preferisco ai primi caldi, ed anche ai secondi ed ai terzi… 🙂

E' una preparazione facilissima: ve la preparate la sera prima, la lasciate raffreddare tutta notte ed al mattino quando vi alzate la sbriciolate, aggiungete latte/yogurt/frutta/cioccolato/ancheniente/quelchevolete e via.

Con queste dosi vi verrà una bella quantità di prodotto: non aumentatele, per evitare che diventi stantia col tempo. Meglio rifarla una volta finita, se mai.

La granola che ricorda le fiere di paese...

GRANOLA CON MIELE, AVENA E SESAMO

Ingredienti

2 tazze di fiocchi d'avena*

1 tazza abbondante di mandorle spellate e tritate grossolanamente

1 tazza di semi di sesamo

1/3 di tazza di fiocchi di spelta**

1/2 tazza di dark brown sugar (quello con ancora melassa all'interno. Se non lo trovate potete farvelo facilmente in casa seguendo questo semplice procedimento)

30 g di burro

1/3 di tazza di miele d'acacia

1 pizzico di sale

2 manciate di granella di nocciole caramellate (facoltativa, io ce l'ho in dispensa e l'ho aggiunta)

* le tazze sono quelle dei misurini standard

** se non avete i fiocchi di spelta (io li compro in Svizzera, non so quanto siano reperibili in Italia, anche se credo che a Naturasì si trovino senza problemi), sostituiteli con l'equivalente di altri fiocchi d'avena

Preparazione

Tritare grossolanamente le mandorle.

Mescolare tutti gli ingredienti (tranne burro e miele) in una ciotola in cui siate poi comodi a mescolare con le mani.

In un pentolino mettere miele e burro, scaldare dolcemente e, non appena il burro sarà fuso ed il miele reso meno vischioso dal calore, spegnere il fuoco, versare sugli ingredienti nella ciotola e mescolare rapidamente, cercando di rivestire tutto con una patina di miele e burro.

Foderare con carta forno la teglia del forno stesso, versarvi il composto, livellarlo pressando leggermente ed infornare a 150° per circa 20-25 minuti, finché il tutto sarà dorato e si sentirà un piacevole profumo di miele e mandorle tostate.

Prelevare dal forno e lasciare completamente raffreddare prima di sbriciolare il composto ed invasettarlo.

Consumare con latte, yogurt, frutta fresca o disidratata a piacere. Per me è una tale droga che lo sgranocchio in purezza davanti alla tv, come fosse pop corn.

La granola che ricorda le fiere di paese...

 

  • Dajana dice:

    Pubblicato: 18 marzo 2014


    Considera la ricetta venduta... la faccio oggi stesso. Me ne sono accorta proprio ieri di avere una busta di fiocchi di segale mai aperta, proverò con quelli al posto di spelta. Mi sa anche che compravamo la stessa marca, perché anch'io evito le granole con frutta disidratata :))), ma mandorle, miele e sesamo non possono mancare. p.s. vado pazza per il croccante di sesamo

  • Sarah Fel dice:

    Pubblicato: 18 marzo 2014


    Se ami il croccante di sesamo, questa diventerà la tua droga. te lo dico :D (fammi sapere quando l'hai fatta eh? Son curiosa per i fiocchi di segale che non ho mai usato :))

  • Dajana dice:

    Pubblicato: 18 marzo 2014


    detto...fatto...
    http://www.flickr.com/photos/46617371@N05/13241043205/
    ci metterei un po' meno zucchero, per il resto ottima, diventerò granola dipendente :))

  • Sarah Fel dice:

    Pubblicato: 18 marzo 2014


    Eh sì, la dolcezza è sempre da regolare a gusto personale in effetti. Comunque ti è venuta 'na meraviglia, sono felice :)))

  • Dajana dice:

    Pubblicato: 18 marzo 2014


    Ti devo raccontare anche questo. Il mio piccolo di 19 mesi che in questi giorni ha avuto il virus gastrointestinale e non mangiava niente da tre giorni, si è avvicinato alla teglia, ha preso un pezzettino, se lo messo in bocca e ha detto: uuuuuuuuummmmmmm! con tutto il ditino sulla guancia :))

  • Sarah Fel dice:

    Pubblicato: 18 marzo 2014


    Ma sì che me lo dovevi raccontare! Amoreeeee :) Anch'io ho un bimbo quasi della stessa età del tuo (fa 18 mesi tra una settimana): il mio tende a scuotere la testa sempre a dire "no", poi quando mette in bocca le cose cambia espressione e ne chiede ancora :D

  • Tulla dice:

    Pubblicato: 20 marzo 2014


    Adoro la granola! Poi in questa stagione, quando finalmente riesco a mangiarmi uno yogurt la mattina (d'inverno non se ne parla!) è l'ideale! Con quei bei tocchettoni.. :)
    Ti aspetto sul mio neonato blog! :D
    Tulla

  • Alessandra dice:

    Pubblicato: 20 marzo 2014


    Con una colazione così... è subito primavera!

  •  

    Dettagli Post

    Pubblicato: 17 marzo 2014

    By:

    Commenti: 8

    Categorie Post

    breakfast, colazione