logo Sarah’s Kitchen Stories

Preparazioni base: gli gnocchi di patate

Print page

gnocchi

Gli gnocchi sono una di quelle preparazioni che, se fossero un attimo meno “noiose”, preparerei anche due volte a settimana.
Ne vado matta ma li preparo raramente proprio perché sporco un sacco in cucina e son pallosi da realizzare, e per questo motivo ogni volta che li rifaccio non ricordo mai quante patate servano per averne due porzioni, cioè quelle che tendenzialmente servono a casa mia.
Nel dubbio esagero sempre, sia perché ci piacciono molto sia perché, essendo dannatamente golosi, la nostra porzione è forse un tantinello superiore a quella che dei comuni mortali considererebbero tale :D.
Le patate adatte per la realizzazione degli gnocchi sono quelle un po’ vecchiotte, a pasta bianca e farinose.
La dose ottimale di farina sarebbe nelle proporzioni 1:3 (1 parte di farina su 3 di patate): più farina si aggiunge più gli gnocchi tenderanno ad essere duri ed a sapere di farina anziché di patate.
C’è chi aggiunge un uovo all’impasto, come fa mia nonna per esempio: a me piacciono comunque, ma se si usano le patate giuste l’uovo è tutt’altro che necessario, anzi.
Io faccio l’impasto quando le patate sono tiepide, perché col calore che ancora hanno si amalgamano bene alla farina ma hanno lasciato evaporare parte dell’acqua accumulata in cottura, quindi questo mi aiuta a non dover aggiungere altra farina.
Noi li mangiamo tendenzialmente con 3 sughi: burro e salvia -e parmigiano a gogo’-, ragù e ai formaggi.
Se vi piacesse la variante degli gnocchi di zucca, QUI trovate la ricetta.

Ultima cosa: la nostra ormai famosa squadra, nata grazie a Cucinando, ha aperto il 2012 chiudendo un contest e ripartendo a razzo con un altro, Cucinando con il Cuore.

Per tutte le info sulle regole di partecipazione vi rimando alla direttissima interessata, Valentina!
Venghino siore e siori, venghino! 😀

gnocchi

GNOCCHI DI PATATE

Ingredienti per circa 2 porzioni (delle nostre :D)

500 gr di patate farinose a pasta bianca
150 gr di farina 00
pizzico di sale

Preparazione

Sbucciate le patate e fatele cuocere a vapore fino a che saranno morbide (controllate con una forchetta: se i rebbi passano la patata da parte a parte senza forzare sono pronte): tagliatele tutte più o meno della stessa misura, così che siano cotte tutte nello stesso tempo.
Lasciatele scoperchiate, così che si intiepidiscano e perdano tramite il vapore parte dell’acqua accumulata in cottura.
Passatele con lo schiacciapatate, aggiungete un pizzico di sale e la farina ed impastate quel tanto che basta per ottenere un impasto omogeneo: non deve incollare alle mani ma deve comunque essere morbido. Se fosse necessario potete aggiungere un altro pugnetto di farina, ma se possibile evitate.
Prendete dei pezzetti di impasto e fate dei cordoncini dello spessore delle vostre dita circa: col un coltello infarinato tagliate tanti tocchetti di circa 2 cm di lunghezza.
Una volta finito il procedimento con tutto l’impasto passate gli gnocchi, rotolandoli con una leggere pressione, sul rigagnocchi o, in mancanza, sui rebbi di una forchetta: quei piccoli solchi permetteranno agli gnocchi di prendere meglio il sugo.
Portate a bollore abbondante acqua salata (io aggiungo un cucchiaio di olio, per aiutarli a non attaccarsi tra loro) e tuffateli una volta bollente.
Mescolate delicatamente per evitare che si attacchino sul fondo poi lasciateli stare: appena verranno a galla saranno pronti.
Tuffateli nella padella di sugo a vostra scelta, saltateli appena e servite.

 

  • sere dice:

    Pubblicato: 16 gennaio 2012


    hai ragione che quando li si fa la cucina poi ha bisogno di un esorcismo! infatti quando non ho voglia di sporcare troppo faccio la versione con la ricotta, ma di sicuro quelli di patate sono imbattibili!

  • 'Le ricette dell'Amore Vero' di Claudia Annie dice:

    Pubblicato: 16 gennaio 2012


    anch'io li preparo così, complimenti, sono perfetti!

  • Sarah FragolaeLimone dice:

    Pubblicato: 16 gennaio 2012


    Gli gnocchi sono veramente semplici SE si trovano patate degne del nome per farli. Io ne vado letteralmente matta! :)

  • Sarah FragolaeLimone dice:

    Pubblicato: 16 gennaio 2012


    Direi che l'esorcismo è la via più rapida per recuperare un minimo di dignità del locale :D

  • Mascia dice:

    Pubblicato: 16 gennaio 2012


    Ho preparato una volta quelli di ricotta ma quelli di patate mai, pero' considerato che ho la cucina zozza oggi, quasi quasi ci provo :-)

  • Sarah FragolaeLimone dice:

    Pubblicato: 16 gennaio 2012


    Partire da cucina zozza è un'ottimo modo di affrontare la cosa :D

  • breakfast at lizzy's dice:

    Pubblicato: 16 gennaio 2012


    Bella la foto vintage, mi ricorda quando gli gnocchi li faceva la mia nonna! :)... il contest me lo sono appuntato, non mi scappa! :)

  • l'albero della carambola dice:

    Pubblicato: 16 gennaio 2012


    Hai ragione: gli gnocchi sono un piatto da urlo solo SE le patate sono DECENTI! Anch'io seguo le tue dosi, più o meno, 1 kg di patate e 250 g di farina...e a volte metto un uovo. A volte...
    Un caro saluto e complimenti per la bella spiegazione
    simo

  • Anonymous dice:

    Pubblicato: 16 gennaio 2012


    A Genova gli gnocchi li prepariamo lavando bene le patate e cuocendole con la buccia .Quando sono cotte si pelano , si schiacciano e si aggiunge tanta farina quanta ne richiede l' impasto (meno farina più morbidi più farina più sodi come piacciono a noi (per questo si ci regola dalla consistenza dell'impasto).Io aggiunga sempre 1 hg di farina di grano duro così tengono un po' di nerbo anche se risultassero morbidi.Per il condimento ultima delizia provateli con il pesto Noi gli gnocchi solo con il pesto li gustiamo.ANNALAURA

  • Lui e Lei in cucina dice:

    Pubblicato: 16 gennaio 2012


    da qualche parte ho letto che si possono fare anche cuocendo le patate al micro, dovrebbero essere perfette x questo piatto...cmq complimenti x i tuoi sono bellissimi!
    ciao
    Valeria

  • Gio dice:

    Pubblicato: 17 gennaio 2012


    li ho fatti domenica, che buoni!
    queste ricette di base sono smepre le benvenute per fare confronti, grazie!

  • Sarah FragolaeLimone dice:

    Pubblicato: 18 gennaio 2012


    Evviva! Sono contenta siano venuti bene Gio: grazie per avermelo detto :)))

  • Claudia dice:

    Pubblicato: 29 agosto 2012


    Ciao sono Claudia,
    le tue ricette le trovo sempre ottime e quando mi sono posta il problema di realizzare gnocchi fatti in casa mi sono catapultata sul tuo blog. :) Però avrei un paio di domandine da farti!
    1) Non avendo tempo per realizzarli il giorno stesso (si tratta di una sorpresa che devo fare :D), vanno bene comunque se li preparo il giorno prima e poi li tengo in frigo per il momento della cottura??
    2) Come decido se usare o no l'uovo? Perché nella tua introduzione dici che "c'è chi li usa" e cosa che più mi spaventa "con le patate GIUSTE sono tutt'altro che necessari"!
    Ahaha perdonami ma sono nuova nel campo culinario e credo di avere MOLTE cose ancora da imparare!!
    Ciao
    Claudia

  • Sarah FragolaeLimone dice:

    Pubblicato: 29 agosto 2012


    Ciao Claudia!
    Mica devi scusarti, hai fatto bene a chiedere ;)
    Allora, come scrivo nel post le patate più adatte agli gnocchi sono vecchie (quelle più giovani sono ricche di acqua, è per questo, per esempio, che le patate novelle non sono adatte), a pasta bianca e farinose. Capita di trovare alcune marche che scrivono gli usi a cui le varie tipologie sono destinate, ma spesso non è così o peggio viene scritto "per tutti gli usi".
    Se non sei sicura delle patate che ti trovi davanti, ti consiglio di usare l'uovo: fossero un po' più acquose o giovincelle quello ti aiuta a tenere insieme l'impasto e scongiurare rotture...
    Io le patate migliori per farli le compro in Svizzera, perché ci vado spesso e le trovo, mentre in Italia fatico a raccapezzarmi: se decido di fare gnocchi con patate prese qui, spesso uso l'uovo. Il sapore cambia poco, la consistenza tende ad essere leggermente più sostenuta. A me piacciono in entrambe le versioni, per dire ;)
    Realizzarli in anticipo... Ti dirò, te lo sconsiglio (per esperienza diretta: mi è capitato di non stare tanto bene e di ricevere gli gnocchi per la cena del marito fatti da nonna in giornata: erano commestibili ma decisamente non buoni come appena fatti. Lei li ha fatti e lessati, poi disposti su un vassoio così che non si attaccassero e la sera li ho conditi io col sugo, scaldandoli).

  • Claudia dice:

    Pubblicato: 7 settembre 2012


    Oh grazie mille!! Vedrò di usare l'uovo allora.
    Però... Caspita, il guaio è che devo prepararli per una cena tra una settimana - e devo preparare proprio gli gnocchi perché è il piatto preferito del mio ragazzo - e quel giorno sarò fuori tutto il tempo. Se li conservassi nel frigorifero (magari fatti la mattina) senza lessarli?

  • Sarah FragolaeLimone dice:

    Pubblicato: 7 settembre 2012


    Sai cosa puoi fare, per essere sicura sicura?
    Se proprio devi provare a farli e conservarli in anticipo, fanne una dose piccola piccola di prova in questi giorni. Io li faccio e cuocio/mangio subito, perché conservarli è sempre un po' un impiccio. Se provi con una dose minima a farli e conservarli in frigo, puoi renderti conto da sola di cosa ottieni.. Oltretutto, se sovrapposti, gli gnocchi tendono ad appiccicare, quindi ti direi di provare a metterli in frigo spolverizzati con farina e non sovrapposti: per il resto, davvero: l'unica è provarci, così ti metti tranquilla tu per prima.

  • Claudia dice:

    Pubblicato: 7 settembre 2012


    Hai, ragione! Proverò a farne una piccolissima dose!! Grazie mille!! :D

  •  

    Dettagli Post

    Pubblicato: 16 gennaio 2012

    By:

    Commenti: 17

    Categorie Post

    Gnocchi, primo piatto