logo Sarah’s Kitchen Stories

La pavlova della Fata Smemorina :D

Print page

La pavlova della Fata Smemorina :D

Ebbene sì, la suddetta Fata sarei io 🙂

Le foto di questo dolcino aspettano in stand by il loro turno di pubblicazione da almeno 2 mesi, forse più. Pubblicare quando si è tutti in vacanza beh, non ha molto senso.

Ecco, se e quando mi capita di fare cose buone in periodi, diciamo così, un po' morti, aspetto tempi migliori. Nel frattempo il mio passaggio alla piattaforma over blog che, nonostante sia abbastanza intuitiva e io sia costantemente aiutata da colei che ormai ho affettuosamente soprannominato Santa Flavia :), è comunque cosa nuova, e per un' a-informatica come me ci vuole il suo bel tempo per abituarsi alle novità nella gestione del blog con la nuova grafica.

Ero tranquillissima, il post era pronto e aspettava solo l'arrivo del momento giusto per essere pubblicato… Finalmente quel momento è arrivato, scorro bella bellina tra le bozze cercando quella che finalmente si era guadagnata il diritto alla ribalta e…tié. Nessun post. Niente foto. Manco mezza ricetta. Ma porc….

020editedtesto Possibile che io fossi così convinta di aver scritto tutto ed invece…no.

Nada, nisba, niet, rien: niente di niente.

Rabbia, sconforto, delusione, frustrazione.

E mo? La ricetta??? E chi se la ricorda?? Una volta che scrivo il post il foglietto su cui appunto la ricetta lo butto via, figurati se ho tenuto il foglio di una preparazione di eoni fa.

Riuscirò mai a ricordarmela? Pensa Sarah, pensa!

Allora… La meringa per la Pavlova me la ricordavo perché fatta spesso.

005edited ….Avevo usato il lime curd che ho già pubblicato, quindi ce l'ho…frutti di bosco, ok…avevo "alleggerito" il curd con della panna montata però…e quanta era? 100 o 200 gr ??? Mi pare 100…

Insomma, alla fine la ricetta ve la posso scrivere, l'unica variabile di cui non ho la (completa) certezza è la quantità di panna montata. Se volete cimentarvi vi consiglio di montare 100 gr di panna ed amalgamare al curd quella: assaggiate, e se l'asprezza del tutto vi convince lasciate così, altrimenti montatene altri 100 ed aggiungeteli. 😀

Come dolcino alternativo a Natale o Capodanno è fantastico, scenografico con 0 fatica e fresco. 

messa

PAVLOVA CON CREMA AL LIME CURD E FRUTTI DI BOSCO

Ingredienti

per la meringa

4 albumi (meglio se vecchiotti ed assolutamente a temperatura ambiente)

200 gr di zucchero semolato (io lo uso vanigliato)

1 cucchiaino di aceto 

2 cucchiaini di fecola

1 dose di lime curd

*panna fresca da montare (dai 100 ai 200 gr)

frutti di bosco a piacere

zucchero a velo

 

*montare 100 gr di panna, aggiungerla al curd ed assaggiare. Se l'asprezza risultasse ancora eccessiva al vostro gusto, montare fino ad altri 100 gr di panna.

 

Preparazione

Per prima cosa, preparare il curd al lime come indicato nella ricetta, poi tenerlo coperto in frigo fino al momento dell'utilizzo.

Preparare poi le meringhe.

Preriscaldare il forno a 180°.
Montare gli albumi a media velocità: quando cominciano a formarsi le prime bollicine aggiungere un cucchiaio di zucchero alla volta, facendo sempre dissolvere lo zucchero versato prima di aggiungerne altro.
Alle ultime due cucchiaiate di zucchero unire anche la fecola setacciata.
Da ultimo aggiungere l'aceto che è l'ingrediente che consentirà, insieme alla temperatura di cottura, di avere meringhe croccanti e friabili all'esterno e gommose e soffici all'interno -tipo marshmallow-. L'esatta consistenza delle meringhe da pavlova.
Su una teglia foderata di carta forno fate dei mucchietti più o meno tondi col composto (oppure realizzare un unico grande disco), distanziati, ed infornare.
Appena infornato abbassare immediatamente la temperatura del forno a 150° e cuocere. Per un disco grande può volerci anche 1 ora e tre quarti.

Una volta cotte, lasciarle completamente raffreddare su una gratella.

Montare la panna, unirla al lime curd con una spatola e col solito movimento dal basso verso l'alto, distribuire la crema ottenuta sulle meringhe, disporre i frutti di bosco sopra e terminare con lo zucchero a velo.

Il dolce è da assemblare appena prima di essere servito, altrimenti l'umidità della crema rovinerà la consistenza delle meringhe.

messa

 

  • aria dice:

    Pubblicato: 5 dicembre 2013


    anche a me capita spesso, io se non avessi il blgo non so come farei a ricordare tutte le mie ricette...ormai la memoria è andata, una volta ricordavo tutto! comunque ribadisco il concetto espresso su facebook: le tue foto sono una meraviglia, un sogno vintage, in cui mi integro perfettamente! è un'ottima idea per capodanno, in effetti, fa tantissimo festa!

  • Fra Pinki dice:

    Pubblicato: 6 dicembre 2013


    Che belle queste foto così eteree! La pavlova mi manca, prima o poi dovrò provare a farla!

  • ficoeuva dice:

    Pubblicato: 7 dicembre 2013


    ciao fata smemorina, noi ci siamo persi a vedere queste meravigliose foto anche se un po' datate eh eh ehe!
    buon pomeriggio
    ficoeuva

  • Diletta Maselli dice:

    Pubblicato: 7 dicembre 2013


    MI viene fame solo a vedere le foto.
    Ok domani li faccio.
    E li mangio.

  • Sarah Fel dice:

    Pubblicato: 8 dicembre 2013


    :) se hai bisogno sono qui, ma sono facili oltre che buonissime. Ti posso già augurare buon appetito ;)

  • Sarah Fel dice:

    Pubblicato: 8 dicembre 2013


    È l'effetto vintage che mi piace molto. Così sono datate anche di fatto: che classe eh? :D

  • Sarah Fel dice:

    Pubblicato: 8 dicembre 2013


    Ah sì. Vedrai che poi diventerà un "mai più senza" :)

  • Sarah Fel dice:

    Pubblicato: 8 dicembre 2013


    E come su fb ti ringrazio tantissimo; ci tengo tanto che tramite le foto possa passare un po' della bontà dei piatti perché spesso sono proprio le foto ad invogliare me a ripetere una ricetta. Ormai ci tengo come tengo alla buona riuscita della preparazione in sé per se. :)

  •  

    Dettagli Post

    Pubblicato: 5 dicembre 2013

    By:

    Commenti: 8

    Categorie Post

    dolci, Dolci monoporzione