logo Sarah’s Kitchen Stories

Proseguono le prime volte…

Print page

indiano 17 credit

…e stavolta, dopo la mia prima volta thai, mi butto sull’indiano!
Oddio, “buttarsi” è un termine decisamente inappropriato considerato che per questa preparazione mi sono affidata ancora ad Alex, che con spezie, condimenti ed abbinamenti etnici è parecchi passi avanti a me..
Il bello è che in dispensa ho tutte -o quasi- le spezie più utilizzate nelle preparazioni di piatti etnici, poi però mi prende il sacro terrore di far pasticci e non oso più di tanto.
Però la voglia di metter mano a tutte le spezie della dispensa è sempre forte, così dopo aver sperimentato il mio primo piatto thai ho deciso di provare un’altra zuppa: stavolta l’ingrediente base sono le lenticchie rosse decorticate.

indi ok

Le lenticchie rosse hanno il grandissimo pregio, al quale accennava anche Alex stessa, di non aver bisogno di ammollo e di cuocersi nel giro di una mezz’ora e quindi possono essere usate per piatti rapidi.
Gli altri ingredienti che compongono la zuppa sono molto semplici (sedano, cipollotti, carote, aglio) e le spezie sono tra quelle che ormai si trovano in quasi tutti i supermercati (cumino, coriandolo, pepe di Cayenna).

Collage indiano

Non è per nulla difficile, si può consumare in versione più rustica oppure frullando la zuppa rendendola una piacevolissima vellutata: Alex ha scelto la prima versione, io la seconda.

Collage indiano 2

Confesso che ero un po’ scettica, non tanto sul risultato in sé della ricetta, fidandomi ciecamente di Alex, quanto sul mio personale gradimento del prodotto finale.
Però le lenticchie rosse le avevo prese da Naturasì proprio perchè questa zuppa mi era piaciuta, per la rapidità di esecuzione e per la semplicità degli ingredienti: mi sono fidata.
Non me ne sono affatto pentita, anzi.
Ho fatto delle piccole modifiche alla sua ricetta, roba da poco: le trovate tra parentesi.

indiano 15 credit ok

ZUPPA DI LENTICCHIE ROSSE

Ingredienti per 4-5 persone


400 gr di lenticchie rosse decorticate
1 gambo di sedano (l’ho omesso)
2 carote
1 spicchio d’aglio privato dell’anima
5-6 cucchiai di olio d’oliva (4 cucchiaini di olio di semi di girasole)
1 cucchiaino di semi di coriandolo
1 cucchiaino di semi di cumino
1 cucchiaio di concentrato di pomodoro
1 litro di brodo vegetale
1 mazzetto di coriandolo fresco (io ho usato 2 cipollotti)
succo e scorza grattugiata di 1 lime
pepe di cayenna
sale e pepe




Preparazione


Sciacquare bene le lenticchie. 
Pulire le carote (il sedano) e del cipollotto e tagliarli a cubetti. 
Tritare lo spicchio d’aglio. 
Scaldare l’ olio in una pentola ed aggiungere l’aglio, i semi di coriandolo ed i semi di cumino e lasciar tostare per bene.
 Aggiungere le lenticchie, il concentrato di pomodoro, i cubetti di carote (sedano) ed il cipollotto. 
Regolare di sale e pepe.
Cuocere per qualche minuto prima di aggiungere il brodo. 
Far sobbollire a fuoco basso per circa 20-30 minuti (io ho dovuto aggiungere dell’acqua, perchè volendo frullare il tutto mi serviva leggermente più liquido).

Collage indiano 3

Intanto lavare i restanti cipollotti (oppure il coriandolo, se usate quello), tagliarli a rondelle sottili, condirli con il succo e la buccia grattugiata del lime, salare e pepare e condire con un po’ di pepe di cayenna.
Servire la zuppa così, con un cucchiaino di cipollotti, oppure frullarla per ottenere una vellutata.

Collage indiano 4

 

  • La cuoca Pasticciona dice:

    Pubblicato: 16 febbraio 2010


    bellissima questa zuppetta di lenticchie... davvero invitante adesso la proverò anch'io.. devo decidere solo per che versione optare.. ;) bacio

  • Ely dice:

    Pubblicato: 16 febbraio 2010


    le ho appena viste al super! la prossima volta le prendo :-) che colore meraviglioso la tua zuppa! ciao Ely

  • arabafelice dice:

    Pubblicato: 16 febbraio 2010


    Che bella!
    Somiglia come ingredienti ad un piatto arabo, in cui pero' le lenticchie rosse sono abbinate al riso basmati...bisogna che ritiri fuori la ricetta :-)

  • Alessandra dice:

    Pubblicato: 16 febbraio 2010


    Che zuppa meravigliosa! Belli gli ingredienti, i colori e le foto.

  • Alem dice:

    Pubblicato: 16 febbraio 2010


    bellissime le foto, i colori e naturalmente la zuppa!

  • Sarah dice:

    Pubblicato: 16 febbraio 2010


    Grazie dei complimenti ragazze :)

  • Malù dice:

    Pubblicato: 16 febbraio 2010


    Che bella questa zuppetta, com'è intrigante!!! La cucina indiana è un mondo da esplorare: io l'ho provata per la prima volta a casa della mia metà che fino a pochi mesi fa conviveva con 2 indiani... non ti dico, ci volevano i pompieri! Però con opportuna italica moderazione, questa zuppetta la posso fare anch'io ^_^ Le lenticchie rosse, almeno quelle, a Napoli le trovo!
    Un bacio grande grande!

    Rita

  • dolci a ...gogo!!! dice:

    Pubblicato: 16 febbraio 2010


    deliziosissima e poi sai le lenticchie decorticate le usavo spessimo nello svezzamento dei miei bimbi poi chissa perche le ho proprio dimenticate adesso pero questa zuppa cosi invitante mi ha fatto venire una gran voglia di riprovarle!!bacioni imma

  • stefi dice:

    Pubblicato: 16 febbraio 2010


    sarah questa zuppa indiana è stupenda sia per il gusto che per il colore!!!!!!
    Complimentiiii!!!!

  • piera dice:

    Pubblicato: 16 febbraio 2010


    tra pioggia e neve di questa giornata una zuppetta come questa ci starebbe a pennello..brava!

  • Federica dice:

    Pubblicato: 16 febbraio 2010


    Le foto sono bellissime, i colori, la luce..complimenti Sarah!

  • sononera dice:

    Pubblicato: 16 febbraio 2010


    Mi piace molto la cunina etnica, e per me, che sono la solita pasticciona, non abbondare o far casini con le spezie non è proprio la cosa più semplice del mondo..
    E poi..adoVo le lenticchie, quelle rosse ancora più di quelle classiche, sono più semplici da cuocere e hanno un sapore meno selvaggio..sai che non amo le zuppe, ma potrei provare a lasciarle intere che ne dici? (orrore lo so...si perde il senso della ricetta ma, tant'è..)

    Ps: io (se mai me lo fossi perso) aspetto la ricetta dello strudel di mele di NONIT..è il mio dolce preferito e giuro e stragiuro che non ne cambierei neanche una virgola !
    ;-)

    Ps: come stai? io vado per ospedali e analisi , ma tutto bene!
    ti abbraccio forte forte !

  • Sarah dice:

    Pubblicato: 16 febbraio 2010


    Malù: è verissimo.
    Io adoro la cucina etnica, soprattutto per quei mix di spezie sconosciuti che vorrei tanto imparare ad usare come si deve.. Un po' alla volta, ti pare? Un bacione a te!

    Imma: tu pensa che invece io le ho viste in giro spessissimo e mai usate fino ad oggi. Folle :)

    Ste, Piera, Federica: vi ringrazio ragazze :)

    sononera: stella, puoi tranquillamente lasciarle intere (se guardi il link che ho messo nella presentazione vedrai com'è senza frullarla ;))

    p.s: lo strudel di nonna è anarchico, nel senso che non è assolutamente sfogliato e friabile ma ha una pasta un po' grossetta e morbida. Non l'ho ancora inserito ma... Magari potrei prepararlo settimana prossima: ho appena ssaggiato una varietà di mela squisita e nello strudel ce la vedo benissimo!

    ps 2: sto... piano piano, come la tartaruga... per te invece: ci sentiamo via tel, che è meglio ;)
    Un bacione

  • pinguil dice:

    Pubblicato: 16 febbraio 2010


    foto splendide! brava

  • Dodò dice:

    Pubblicato: 16 febbraio 2010


    buonissima! le lenticchie rosse sono davvero un jolly in cucina! le usano molto anche in nord Africa, abbinate al cumino.
    Fa sempre bene sperimentare!

  • Virò dice:

    Pubblicato: 16 febbraio 2010


    Condivido l'amore per le spezie: ultimamente ho comprato coriandolo, cumino e senape in granelli...

    Un po' sperimento di testa mia in base ai profumi ma avere ricettine testate come questa mi sarà certamente d'aiuto...

  • Ciboulette dice:

    Pubblicato: 16 febbraio 2010


    sono convinta che sia buonissima, e sotto forma di vellutata le lenticchie rosse le gradirei sicuramente di più: io ci avevo messo una croce sopra perchè non mi piace affatto come si disfano in cottura.Ma sai che questa è perfetta anche per la mia dietaaa??

  • dada dice:

    Pubblicato: 17 febbraio 2010


    Bello il titolo, le foto e sono curiosissima sui sapori molto invoglianti. Puoi "buttarti" quando vuoi ;-)

  • Mariù dice:

    Pubblicato: 17 febbraio 2010


    L'ho fatta anch'io ed è davvero stupefacente -l'ho rifatta 3 volte in una settimana- ma il colpo vincente secondo me è davvero la mistura coriandolo/lime finale... e ti dico solo che a me il coriandolo normalmente nemmeno piace.
    Qua spacca.
    Un bacione!
    m.

  • Elisakitty's Kitchen dice:

    Pubblicato: 17 febbraio 2010


    Ciao Sarah! Questa zuppa scalda il cuore... Ho le lenticchie rosse in dispensa, cercavo proprio il giusto modo per impiegarle! Deve essere squsita così speziata (e Alex è una garanzia). Bacio

  • Ally dice:

    Pubblicato: 17 febbraio 2010


    questa è proprio una bella zuppa colorata che scalda il cuore ma anche gli occhi..le foto sono magnifiche e mi hanno fatto dimenticare che fuori diluvia... =)
    un baciotto

  • Giò dice:

    Pubblicato: 17 febbraio 2010


    questa zuppa è proprio nelle mie corde, già conoscevo la fantastica accoppiata lenticchie rosse e limone ma con tutti questi aromi è una bomba!

  • Viviana B. dice:

    Pubblicato: 17 febbraio 2010


    Ecco, questa zuppa indiana mi convince più della thailandese. Questa mi sa che la provo sì!
    Buon pomeriggio, Sarah! :-)

  • terry dice:

    Pubblicato: 17 febbraio 2010


    Adoro le lenticchie...in zuppa poi e all'indiana!!!....perfette!
    bellissima seconda prima volta!;)))

  • Genny dice:

    Pubblicato: 18 febbraio 2010


    l'ho preparata al corso di cucina...è fantastica!!

  • Sarah dice:

    Pubblicato: 18 febbraio 2010


    Grazie ragazze!
    Vedo che qui ci sono altre ad averla provata e ne confermano la bontà.
    E' veramente una delizia.

    Cib: anche a me scoccia che si sfaldino tutte, ma frullate son proprio perfette ;)

  •  

    Dettagli Post

    Pubblicato: 16 febbraio 2010

    By:

    Commenti: 26

    Tag Post

    ,

    Categorie Post

    Etnico, Piatto unico