logo Sarah’s Kitchen Stories

Confettura km0

Print page

Come tutti gli anni, a giugno mi ritrovo per le mani valanghe di lamponi, grazie al santissimo giardino di mamma.

Quest’anno, in particolare, la produzione è stata davvero abbondante, ed in un solo raccolto abbiamo preso ben 2 kg di frutti. Una festa!

(sorvoliamo sul fatto che probabilmente i chili erano 2 e mezzo, ma la differenza è finita direttamente nella mia pancia :)).

breakfast with homemade raspberry jam

Essendo dei fruttini estremamente delicati, una tale quantità poteva finire forse solo in confettura, e così è stato.

Buona, buonissima.

Anziché la percentuale classica 50:50 di zucchero e frutta, ho preferito un 40:60, tale da mantenere comunque tempi di conservazione lunghi ma ridurre lo zucchero in favore del sapore della frutta.

I lamponi sono un pochino aspri, quindi se vi piacciono le confetture molto dolci, vi conviene stare sul 50:50.

Nel prossimo post troverete anche una crostata fatta con questa confettura, per ora: eccola qui, in tutta la sua profumatissima magnificenza.

Confettura km0

CONFETTURA DI LAMPONI E VANIGLIA

1 stecca di vaniglia

800 g di zucchero semolato

2 kg di lamponi

Confettura km0

Preparazione

La sera prima risciacquare rapidamente i lamponi (io uso uno scolapasta), metterli nella pentola in cui si preparerà la confettura, aggiungere lo zucchero, la bacca di vaniglia aperta e privata dei semi – ed aggiunta anch’essa- , coprire e lasciare in frigo fino al mattino seguente.

Il giorno dopo, levare la bacca di vaniglia e porre la pentola sul fuoco medio.

Una volta raggiunto il bollore, la confettura comincerà a far affiorare una schiuma biancastra: rimuoverla man mano che si forma, con un cucchiaio o una schiumarola.

I metodi per capire il momento in cui la confettura è pronta sono diversi, ma a mio parere (dopo innumerevoli mattoni) è che la vista e quindi l’esperienza accumulata aiutano molto.

Quando le bolle, inizialmente molte, iniziano ad essere meno e la confettura assume una consistenza di denso sciroppo, si può levare dal fuoco.

Considerare anche che da calda è più liquida che da fredda, perciò non deve avere l’esatta consistenza della confettura come la si immagina, ma dev’essere più lenta.

I tempi di cottura cambiano a seconda della pentola usata, della quantità di frutta, di zucchero e di intensità della fiamma. Indicativamente, nel mio caso con queste dosi ci sono voluti 45 minuti.

Invasettare in barattoli precedentemente sterilizzati e sigillare.

 

  • Roberta dice:

    Pubblicato: 8 luglio 2014


    Ciao mia cara
    le confetture fatte in casa sono una goduria specie poi quando i bimbi ne vanno ghiotti.
    Salutami tanto la tua mamma.
    Un abbraccio

    Roberta

  • Laura dice:

    Pubblicato: 10 luglio 2014


    Quanto sono dannatamente belle le tue foto!!:)

  • Laura dice:

    Pubblicato: 10 luglio 2014


    Quanto sono dannatamente belle le tue foto!:)

  •  

    Dettagli Post

    Pubblicato: 8 luglio 2014

    By:

    Commenti: 3

    Tag Post

    ,