logo Sarah’s Kitchen Stories

Di salmone ed idiosincrasie…

Print page

salmone

Detesto preparare e cucinare il pesce.
Adoro mangiare il pesce.
Ecco, questi sono i due estremi che, almeno ogni tanto, cerco di far trovare a metà strada.
Sì, il pesce fa bene, benissimo: sarebbe meraviglioso mangiarlo 3-4 volte a settimana, ma confesso che da noi lo consumiamo più raramente, proprio per la mia idiosincrasia cronica.
Odio pulirlo, odio toccarlo (ragione per cui uso i guanti di lattice usa e getta per non sentire l’odore sulle mani), odio anche vedermi la “bestia” intera, che mi guarda: lo so, è morto, però credetemi, mi guarda lo stesso. 😀
Sto cercando di superare la mia repulsione alla preparazione, ci sto provando davvero, così da poterne mangiare più spesso.
Al momento quindi cerco di dedicarmi a quei piatti che mi ci facciano avere a che fare per il minor lasso di tempo possibile: quello di sciacquarlo, squamarlo, condirlo. Poi non voglio più saperne fino al momento di mangiarlo. 🙂
Ho comprato un meraviglioso salmone selvaggio ed ha seguito alla perfezione l’iter di cui sopra: io e lui siamo stati a contatto il minimo sindacale, giusto il tempo di riempirlo di profumi e condirlo.
In compenso immaginate la tragedia del fotografarlo 😀
Era ottimo ed a sforzo ridotto.
Ok. Un po’ alla volta posso farcela.

pesce1edited

SALMONE SELVAGGIO PROFUMATO AL FORNO

Ingredienti per 4 persone

1 salmone da 1 kg
aglio
rosmarino
alloro
sale, pepe bianco
2 limoni (il succo di uno ed il secondo a rondelle)
vino bianco
poco olio

Preparazione

Nulla di più semplice.
Fatevi pulire il salmone dal vostro pescivendolo (se vi leva già anche le squame tanto di guadagnato).
Se dovete squamarvelo da voi, un trucchetto semplice semplice per non farvi scivolare il pesce mentre lo reggete per la coda è prendere un poco di sale grosso e strofinarvelo sulle dita: il sale creerà attrito col pesce, aiutandovi a maneggiarlo.
Sciacquatelo per bene, salate e pepate (anche internamente).
Mettete un bel po’ di rosmarino nella pancia del pesce, insieme a due spicchietti di aglio in camicia, una foglia di alloro e le due estremità del limone quando lo farete a fettine.
Disponetelo su una placca foderata di carta forno, copritelo con le fette di limone, il rosmarino e l’altra foglia di alloro.
Spremeteci sopra il succo del secondo limone e ciò che vi rimane mettetelo comunque nella teglia, così che profumi ancor più il pesce.
Irrorate con un goccio di vino bianco (ci sta anche il gin, se vi piace), un filo di olio (pochissimo, tanto il salmone è già grasso di suo) ed infornate in forno già caldo a 200°.
A metà cottura io elimino il rosmarino in superficie perché tenderà a bruciare, e bagno il pesce con ancora un poco di vino bianco..
Per 1 kg di pesce 30 minuti di cottura sono sufficienti: non protraete perché rischia di diventare troppo asciutto.

salmone

Servite irrorato se vi piace da un filo di olio buono e succo di limone: io ho usato l’olio al limone Gargiulo, quello di cui vi avevo parlato diffusamente tempo fa.

 

  • Da & Mer dice:

    Pubblicato: 14 aprile 2011


    Fantastico! se ve delicioso, tiene un aspecto espectacular.

  • Dominique dice:

    Pubblicato: 14 aprile 2011


    Simple mais certainement délicieux! J'ai un beau pied de romarin dans mon jardin, je l'utilise beaucoup avec le poisson aussi... Merci pour la recette!

  • Alice dice:

    Pubblicato: 14 aprile 2011


    io sono una divoratrice malsana di salmone...il pesce non mi dà troppo fastidio, per me è mooooooooooolto PIU PEGGIORE (:D) l'aglio...quello sì che lo tratto coi guanti!
    buona questa ricetta, semplice per un pesce che è già saporito di suo e non richiede troppe attenzioni.
    ecco ho mangiato il salmone giusto ieri sera (con salvia e limone però) e ora me lo rimangerei! famina...

  • elenuccia dice:

    Pubblicato: 14 aprile 2011


    Anche io non amo pulire il pesce e cerco sempre di far fare la maggior parte del lavoro al pescivendolo ;)
    e confesso sotto voce che molte volte vado sui surgelati che sono gia' puliti ed eliminano il problema.
    Ma un buon salmone o spigola cotti alforno solo il top del top.

  • Fra dice:

    Pubblicato: 14 aprile 2011


    Bè alla fine credo che questo sia il modo migliore per cucinare i pescioni interi. Poco spreco e la carne rimane sempre morbida e saporita! Inoltre capisco perfettamente la poca attrattiva nel pulire, toccare, annusare mostri del genrere ;D

  • Virò dice:

    Pubblicato: 14 aprile 2011


    Ma lo sai che hai ragione?

    Mi fissa dal monitor...!

  • Paprika&Paprika dice:

    Pubblicato: 14 aprile 2011


    Bellissime queste foto e mi piace la ricetta!
    Io non ho problemi a pulire nè il pesce nè altri animali, figurati i
    miei zii andavano a caccia e mi hanno insegnato a scuoiare ache il coniglio o pulire il fagiano.

  • Manuela e Silvia dice:

    Pubblicato: 14 aprile 2011


    Ciao, molto buono e profumato questo salmone. E' da un po' che vogliamo prenderlo da cucinare, questo potrebbe essere un ottimo suggerimento per la preparazione.
    baci baci

  • fantasie dice:

    Pubblicato: 15 aprile 2011


    Uguale uguale!!! Io me lo faccio pul,ire dal pescivendolo... altrimenti non lo compro!

  •  

    Dettagli Post

    Pubblicato: 14 aprile 2011

    By:

    Commenti: 9

    Categorie Post

    Pesce, secondo piatto